Guida alla scelta e sostituzione del sedile del WC

I sedili per WC non sono tutti uguali. Ecco quali sono gli aspetti da tenere presente per la scelta di un nuovo sedile e come sostituirlo.

Il sedile del WC è un accessorio essenziale in qualsiasi bagno, e che oggi rappresenta a tutti gli effetti anche un elemento di design. Se da una parte è utile a coprire il water quando non viene utilizzato, dall’altra aiuta a conferire personalità a tutto l’ambiente, con forme e colori che si adattano allo stile che abbiamo scelto.

Allo stesso modo, un copriwater è un elemento utilizzato praticamente ogni giorno, e più volte nell’arco della giornata. Naturale che, a furia di abbassarlo e alzarlo, possa andare a rompersi e debba essere sostituito con uno nuovo. La scelta di una nuova tavoletta per il WC (anche nel caso si voglia semplicemente rinnovare il proprio bagno) non è però così immediata, ma è necessario conoscere serie, forma e dimensioni del proprio sanitario.

In questa guida di Desivero andremo quindi a vedere come misurare il sedile WC e come scegliere il modello giusto tra le tantissime varianti proposte dal mercato. Non solo, scopriremo anche quali sono i materiali più resistenti e durevoli, per garantirci così un acquisto infallibile!

Come si misura il sedile del WC

Come già detto, quando si vuole acquistare un nuovo sedile WC, oltre al gusto personale dobbiamo fare attenzione a forma e dimensioni. Soprattutto se non conosciamo la marca e le caratteristiche dei nostri sanitari, o se nel frattempo sono magari andati fuori produzione.

Ma come fare a misurare il sedile per il WC? Fortunatamente la procedura è piuttosto semplice, e ci basterà dotarci di un comunissimo metro (sia di legno che a nastro). Dovremo quindi sollevare o togliere la tavoletta del WC presente in precedenza, e prendere le misure direttamente dalla struttura del sanitario. In particolare, gli elementi che ci interessano sono la larghezza massima, la lunghezza del vaso e l’interasse.

Prima di tutto, per calcolare la larghezza massima del water dobbiamo posizionare il metro in orizzontale da lato a lato, puntandolo dove il WC tende ad allargarsi. Solitamente si tratta del punto esattamente a metà della struttura del vaso. Per quanto riguarda la lunghezza del vaso, andiamo invece a puntare il metro al foro di interasse per poi arrivare fino alla sporgenza del WC, seguendo una linea verticale. L’interasse (cioè l’ultima misura di cui abbiamo bisogno) non è altro che la distanza tra i due fori a cui va fissato il coprisedile.

Infine, non dobbiamo dimenticarci di verificare anche l’accesso all’installazione del nostro sedile per WC, vale a dire in che modo è montata la tavoletta del water. È infatti possibile fare una distinzione tra accesso dal basso e accesso dall’alto: nel primo caso troviamo sia modelli con attacco aperto verticale con vite di fissaggio passante e galletto, che varianti inclinate con due viti passanti e galletto; in alternativa, è presente un attacco chiuso verticale fissato con una vite a espansione.

Quale materiale scegliere

Per scegliere il sedile WC giusto bisogna prendere in considerazione anche il materiale con cui è realizzato. Oltre all’aspetto estetico, i materiali vanno infatti a determinare anche la qualità, la durata nel tempo e la facilità di pulizia di un copriwater.

Ecco, quindi, le varianti più diffuse attualmente in commercio:

  •  Sedile WC in plastica – è la proposta più economica, leggera e versatile, ma si tratta di un materiale che tende ad ingiallire e a danneggiarsi con il tempo.
  • Sedile WC in legno – i copriwater realizzati in legno sono piuttosto resistenti, e vengono sottoposti ad un trattamento anti-umidità e anti-ingiallimento.
  • Sedile WC in MDF – si tratta di sedili con una struttura abbastanza solida composta da fibre di legno, rifiniti esternamente con una particolare verniciatura anti-ingiallimento.
  • Sedile WC in poliestere con anima in legno – questi sedili per il water sono realizzati esternamente da poliestere, che conferisce la tipica finitura lucida. Il materiale è noto per essere estremamente igienico e facile da pulire.
  • Sedile WC in duroplast – una soluzione che coniuga resistenza e igiene, in quanto si tratta di un materiale antibatterico e durevole nel tempo.

In ogni caso, nell’ampio catalogo online di Desivero abbiamo la possibilità di scegliere copriwater con sistema soft close o con chiusura rallentata: questo tipo di sedile WC ammortizzato evita gli urti e per l’appunto ammortizza la chiusura della tavoletta.

Come sostituire il sedile WC

Ma come sostituire il sedile WC senza errori e senza causare danni? La prima cosa da fare è ovviamente andare a rimuovere il vecchio coperchio del water, svitando le viti di supporto e girando i dadi a farfalla presenti nella parte inferiore delle cerniere, pulendo poi la ceramica sottostante.

Ora, in corrispondenza dei buchi delle cerniere dobbiamo appoggiare le protezioni in plastica apposite, utili a proteggere la ceramica dal contatto diretto con il metallo dei dadi. Fatto questo, inseriamo i perni delle cerniere nei fori, facendo sempre attenzione ad inserirli prima nelle protezioni in plastica e poi nei fori dell’interasse. Per concludere avvitiamo i dadi lentamente, evitando di rovinare la ceramica e fino a quando il sedile del WC non risulta stabile.

DEVI SCEGLIERE UN NUOVO SEDILE WC? CONSIDERALO FATTO.

Articoli correlati

Come pulire i vetri senza lasciare aloni

Tecnologia e how to

Pulire i vetri senza lasciare aloni è più facile e veloce di quello che credi. Ecco i nostri trucchi e consigli su quali prodotti usare e come procedere.

Read More

Quanto consuma una stufa a pellet

Tecnologia e how to

Le stufe a pellet ti permettono di riscaldare la casa in modo economico. Ma quanto consumano davvero? Come fare per calcolare il consumo?

Read More

Cosa sono le zone climatiche in Italia

Tecnologia e how to

Le zone, o fascie, cliamatiche in Italia sono determinate dai gradi giorno. Queste zone determinano il periodo di accensione del riscaldamento.

Read More

©2017 Tutti i diritti riservati - www.desivero.com