Pulizia dei rubinetti: come togliere il calcare

Quali sono le soluzioni per eliminare il calcare dai tuoi rubinetti? Scopriamolo insieme

Come togliere il calcare dai rubinetti, quando il resto dei sanitari è già splendente?

La pulizia dei rubinetti è un’operazione necessaria per evitare la formazione di incrostazioni consistenti a scapito del loro funzionamento e della loro estetica. Se non vengono mantenuti in buono stato, possono riempirsi di sporco e batteri, perdere la loro brillantezza, ma addirittura riportare problemi al loro funzionamento.

Ti daremo qualche consiglio utile su come togliere il calcare dal bagno e pulirlo con alcuni metodi fai-da-te, naturali ed economici o con prodotti appositamente studiati. Potrai scegliere in base all’entità dell’igiene che dovrai effettuare.

Come rimuovere il calcare dai rubinetti e fare in modo che non ritorni più

Se vuoi togliere definitivamente il calcare dai rubinetti del bagno e della cucina e fare in modo che non torni più, segui i nostri consigli tra rimedi casalinghi o con detergenti chimici. I tuoi rubinetti cromati, in acciaio o bronzati riacquisteranno la lucentezza di una volta!

Vediamo insieme come togliere il calcare dall’acciaio della tua rubinetteria e prevenire la sua formazione col semplice fai-da-te!

Il più pratico e rapido dei rimedi è il limone. Taglialo a metà e strofinalo sulla superficie che desideri pulire. Risciacqua con acqua tiepida e asciuga con un panno. In pochi minuti vedrai i tuoi rubinetti cromati tornare brillanti come un tempo!

Puoi anche utilizzare sale disciolto in acqua e frizionare la superficie da detergere usando un tessuto pulito.

icona rimedio anticalcare bicarbonato limone e acqua
icona rimedio anticalcare farina aceto e sale

Un valido aiuto per la pulizia di bagno e cucina è anche il bicarbonato di sodio grazie al suo potere antibatterico. Prepara un impasto unendolo ad acqua o succo di limone e stendilo sulle parti da pulire. Lascia agire e sciacqua. Una decisa asciugatura ti garantirà un lavabo pulito e sicuro.

Se invece hai rubinetti bronzati, prima di tutto ricorda che l’ottone richiede delicatezza. Come togliere allora quel fastidioso calcare senza intaccare la finezza dei materiali? Usa esclusivamente una spugna non abrasiva o un panno morbido. Crea una miscela con farina, aceto e sale. Lasciala riposare qualche minuto sul rubinetto. Fai seguire un buon risciacquo finale, asciuga e vedrai che anche le piccole macchie saranno scomparse, mentre l’aspetto naturalmente “vissuto” dei bronzati non sarà svanito.

Le soluzioni naturali danno spesso gli stessi risultati che possiamo ottenere coi detersivi industriali. Se però parliamo di ambienti con molto acciaio, come i servizi pubblici, è consigliabile l’uso di prodotti appositi, che riescano a togliere il calcare in modo radicale. Li trovi al banco del supermercato, nei negozi di articoli per la detersione della casa o dal ferramenta.

Come rimuovere il calcare dai rubinetti del bagno

Come togliere il calcare dai rubinetti in modo pratico e veloce?

La formazione del calcare è inevitabile ed è causata dalla durezza dell’acqua, ovvero dal valore che esprime il contenuto di sali di calcio e magnesio in essa disciolti. Più è dura, più tende a formarsi, rendendo opaca la nostra rubinetteria del bagno. Non dimentichiamo che grazie a questa loro caratteristica anche le acque che scorrono nelle tubature delle nostre case apportano nutrienti molto importanti per le funzioni vitali del nostro organismo, quindi non demonizziamo il fastidioso calcare, ma cerchiamo la soluzione più indicata per eliminarlo dal nostro bagno!

Stiamo per darti qualche consiglio utile su come togliere il suo antiestetico e poco igienico effetto dai tuoi rubinetti in acciaio, cromati o bronzati, con alcuni metodi fai-da-te e naturali.

Ti stupirà scoprire come i ben noti rimedi della nonna risultino essere i più efficaci per togliere le incrostazioni dai rubinetti bronzati, come da quelli cromati o in acciaio del bagno. Probabilmente avrai già in casa tutto il necessario per il fai-da-te. Limone o aceto bianco (ti consigliamo di usare il comune aceto di vino, o di mele o quello bianco di alcool) uniti a bicarbonato di sodio o sale e acqua tiepida, strofinati energicamente o lasciati riposare sulla superficie incrostata, rimuoveranno e igienizzeranno il tuo bagno. Per una pulizia più radicale puoi anche versare in una busta di plastica una miscela ottenuta con bicarbonato e aceto, legarla al corpo del rubinetto e lasciarla agire dalle 3 alle 8 ore. Una volta rimosso il sacchetto, sfrega con uno spazzolino. Effettuare questa procedura una volta ogni 3-4 mesi ti aiuterà a togliere i germi che si annidano nei tuoi accessori.

I rubinetti bronzati hanno invece bisogno di un’accortezza in più rispetto a quelli cromati o in acciaio. Essendo più delicati, ti raccomandiamo sempre l’uso di panni morbidi per l’asciugatura.

rubinetto con calcare

Come eliminare il calcare dai rubinetti della cucina

Ti spiegheremo ora come togliere il calcare dai rubinetti della tua cucina, dedicando solo pochi minuti in più all’igiene del lavabo.

Nonostante l’effetto lasciato su lavandini e stoviglie, il calcare non è considerato dannoso per la salute (in dosi non eccessive) poiché composto da carbonato da calcio, elemento che può avere un effetto protettivo per il sistema cardiovascolare. Inoltre dal miscelatore del lavandino della cucina fuoriesce un elemento prezioso per il tuo benessere, l’acqua, ed è certamente più rassicurante vederla sgorgare da una fonte pulita! Non dimentichiamo poi che la cucina è oggi più che mai studiata come un ambiente di design, spesso frequentata dai tuoi ospiti, soprattutto quando fa parte di un open-space. Non puoi certo permetterti di trascurarla lasciando che una patina bianca di calcare si depositi sul suo acciaio o sui rubinetti bronzati, accuratamente scelti in linea col tuo arredo!

L’industria chimica fornisce una vasta gamma di detergenti per l’igiene dei rubinetti della cucina, appositamente fatti per togliere anche il calcare più ostinato. Quando possibile, è però preferibile utilizzare prodotti naturali, che, oltre ad essere più economici, non sono tossici.

 

Nella tua dispensa non mancherà sicuramente il sale. Sarà quindi un attimo mescolarne un cucchiaio ad un bicchiere d’acqua tiepida e strofinare con cura il tuo rubinetto incrostato come pure il piano in acciaio. È una procedura rapida, che, se fatta quasi quotidianamente, previene la formazione di incrostazioni e lascia la tua rubinetteria sempre splendente.

rimedio anticalcare acqua tiepida e sale

Togliere le incrostazioni dai rubinetti è anche possibile utilizzando il succo di limone o addirittura il cetriolo. Basta tagliarne una fettina e passarla sulla superficie da pulire. Dopo aver lasciato agire qualche minuto, risciacqua e asciuga con cura. Il tuo rubinetto avrà nuovamente tutta la sua lucentezza!

Acqua e sale, aceto e bicarbonato sono le altre soluzioni facilmente reperibili tra le tue scorte domestiche.

Ti consigliamo di occuparti con costanza della pulizia della tua rubinetteria. Così basterà poco per togliere le incrostazioni e garantire sempre un aspetto splendente.

“I problemi più complessi hanno soluzioni semplici.”

Oscar Wilde
VUOI RINNOVARE LO STILE DELLA TUA RUBINETTERIA BAGNO? CONSIDERALO FATTO.

Articoli correlati

Caldaia in blocco? Cause e soluzioni

In evidenza, Tecnologia e how to

Scopri come risolvere il blocco della caldaia

Read More

Le valvole termostatiche intelligenti: tutto quello che devi sapere

In evidenza, Tecnologia e how to

Scopri come risparmiare nella gestione del tuo impianto di riscaldamento

Read More

Come scegliere un condizionatore?

Tecnologia e how to

Quale condizionatore scegliere? Meglio un condizionatore fisso o portatile? Modello mono-split o dual-split?

Read More

©2017 Tutti i diritti riservati - www.desivero.com