Come pulire i vetri senza lasciare aloni

Pulire i vetri senza lasciare aloni è più facile e veloce di quello che credi. Ecco i nostri trucchi e consigli su quali prodotti usare e come procedere.

Spolverare, aspirare, lavare, lucidare… le faccende domestiche non sono mai finite! Tra le più odiate c’è sicuramente la pulizia dei vetri, un’operazione che può risultare assai noiosa e complicata.

Che siano finestre, specchi o vetri della doccia, eliminare lo sporco e ottenere vetri senza aloni può rivelarsi un’impresa ardua, ma certamente è un obiettivo raggiungibile con i giusti strumenti e un po’ di attenzione.

In questo articolo di Desivero vi sveleremo quindi come pulire i vetri nel modo giusto, assieme a trucchi e consigli degli esperti per ottenere superfici splendenti e senza aloni, con un risultato impeccabile che farà brillare tutta la vostra casa.

Quali attrezzi e prodotti servono

Prima di capire come pulire i vetri, seguendo tutti i passaggi consigliati dai professionisti della pulizia, è bene chiarire quali attrezzi e prodotti bisogna andarsi a procurare.

In particolare, tra prodotti e attrezzi per pulire i vetri senza lasciare aloni, avrete bisogno di:

  • Un panno in microfibra: morbido e non abrasivo, cattura lo sporco senza lasciare aloni ed è l’ideale per non graffiare le superfici.
  • Un tergivetro: utile per rimuovere l’acqua in eccesso e prevenire la formazione di aloni. Nel catalogo Desivero, è possibile scegliere tra diversi modelli, come quello cromato di Colombo Design, o quello dal design deciso e moderno della serie Hotellerie di Inda.
  • Un secchio: per preparare la soluzione detergente.
  • Spruzzino: per distribuire il prodotto uniformemente sul vetro.
  • Detergente per vetri: scegliete un prodotto specifico che non lasci aloni, come il detergente per vetri e specchi Titty&Flavia disponibile su Desivero. Come gli altri detergenti presenti in catalogo, questo prodotto è 100% naturale e profumato, ideale per chi desidera un’alternativa ecosostenibile e delicata sulle superfici, senza rinunciare a un piacevole aroma naturale che lascia la casa profumata.

Con i detergenti ecologici consigliati da Desivero la pulizia dei vetri diventa un gioco da ragazzi, e i risultati saranno sempre impeccabili in meno tempo e con meno fatica.

Procedimento step by step

Preparato tutto l’occorrente, è il momento di dedicarsi all’effettiva pulizia dei vetri. Di seguito, la procedura per ottenere superfici perfettamente pulite, capaci di illuminare tutti gli ambienti di casa.

  1. Spolverate i vetri con un panno asciutto: I panni antistatici sono l’ideale per questa prima fase.
  2. Preparare la soluzione detergente: in un secchio, diluire il detergente per vetri in acqua calda seguendo le istruzioni riportate sulla confezione.
  3. Inumidire il panno in microfibra: immergerlo nella soluzione detergente e strizzarlo bene per evitare che sia troppo bagnato.
  4. Pulire il vetro: iniziare a pulire il vetro con movimenti orizzontali, insistendo sulle zone più sporche.
  5. Risciacquare il panno: sciacquare frequentemente il panno in acqua pulita per evitare di spargere lo sporco sul vetro.
  6. Rimuovere l’acqua in eccesso: utilizzare il tergivetro per togliere l’acqua in eccesso dal vetro, muovendolo dall’alto verso il basso.
  7. Asciugare il vetro: con un panno asciutto e pulito, asciugare il vetro per evitare la formazione di aloni.

In ogni caso, tenete sempre a mente di non utilizzare acqua fredda per pulire i vostri vetri, perché ha un poter sgrassante minore di quella calda e si mescola ai detergenti con più difficoltà.

Errori comuni

Ora che abbiamo ben chiarito come si puliscono i vetri di qualsiasi tipologia, ecco alcuni errori da evitare quando ci si dedica a questa operazione:

  • Utilizzare un panno non adatto: i panni abrasivi possono graffiare le superfici.
  • Usare troppo detersivo: un eccesso di prodotto può lasciare aloni sul vetro.
  • Pulire i vetri sotto il sole diretto: il sole può seccare il detersivo troppo velocemente, causando la formazione di aloni.
  • Non risciacquare il panno frequentemente: un panno sporco può spargere lo sporco sul vetro.
  • Usare carta da cucina per asciugare i vetri: questo tipo di materiale potrebbe lasciare particelle difficili da rimuovere.

Non solo, ecco alcuni trucchi per pulire i vetri utili a non lasciare tracce:

  • Per pulire i vetri delle finestre alte, utilizzate una scala stabile e fate attenzione a non sporcare il pavimento.
  • Per i vetri difficili da raggiungere, utilizzate un apposito scopino con manico telescopico.
  • Per evitare di dover pulire i vetri troppo spesso, utilizzate un prodotto antipioggia che li proteggerà dalla sporcizia.
  • Se i vetri sono molto sporchi, prima di pulirli con il detersivo, passate un panno umido per rimuovere lo sporco grossolano.
  • Aggiungete un po’ di aceto bianco all’acqua di risciacquo per ottenere un effetto brillantante.
  • Per pulire i vetri della doccia, puoi utilizzare un prodotto anticalcare 100% naturale. Si tratta di un detergente efficace e poco aggressivo, adatto anche a box doccia come quelli angolari proposti da Ponsi o i modelli curvi di Ercos.
  • In alternativa al tergivetro, puoi utilizzare un rametto di giornale per asciugare i vetri e ottenere un effetto senza aloni.

Con un po’ di attenzione e i giusti strumenti, pulire i vetri senza aloni si trasforma in un’operazione semplice e veloce. Seguendo i consigli e i trucchi di questo articolo, potrete ottenere vetri splendenti e una casa

SCOPRI COME DIRE ADDIO PER SEMPRE AGLI ALONI SUI VETRI!

Articoli correlati

Come pulire i vetri senza lasciare aloni

Tecnologia e how to

Pulire i vetri senza lasciare aloni è più facile e veloce di quello che credi. Ecco i nostri trucchi e consigli su quali prodotti usare e come procedere.

Read More

Quanto consuma una stufa a pellet

Tecnologia e how to

Le stufe a pellet ti permettono di riscaldare la casa in modo economico. Ma quanto consumano davvero? Come fare per calcolare il consumo?

Read More

Cosa sono le zone climatiche in Italia

Tecnologia e how to

Le zone, o fascie, cliamatiche in Italia sono determinate dai gradi giorno. Queste zone determinano il periodo di accensione del riscaldamento.

Read More

©2017 Tutti i diritti riservati - www.desivero.com