I livelli di umidità da tenere in casa

Scopri quale dovrebbe essere il livello ottimale di umidità in casa, in ogni stagione

Vivere in un ambiente salubre privo di agenti inquinanti e nel quale respirare aria pulita è fondamentale per la nostra salute. Il più delle volte ci preoccupiamo però solo di cercare la temperatura perfetta sia in estate che in inverno, senza fare troppo caso ad un altro parametro essenziale: il tasso di umidità ideale in casa. Un ambiente eccessivamente umido è infatti particolarmente soggetto alla formazione di muffe, di contro una casa con poca umidità favorisce l’insorgere di disturbi della pelle, delle vie respiratorie e degli occhi, tutti causati dalla disidratazione. Ecco allora come misurare il livello di umidità nell’aria e quali sono i valori da tenere sotto controllo, così da mantenerla sempre ad un livello ottimale.

Come valutare il tasso di umidità

Nonostante sia molto spesso identificata come un fattore negativo, l’umidità tra le mura domestiche è in realtà molto importante. Non solo per la salute e il benessere dei suoi abitanti, ma anche perché è uno dei fattori che incide maggiormente sulla sensazione di caldo e freddo. Ci si riferisce all’umidità come alla quantità di vapore acqueo presente nell’aria a seconda della temperatura, ed è per questo che è importante poterla misurare per cercare di mantenere un tasso di umidità ideale in casa. Per praticità viene calcolata in percentuale: il numero ottenuto è il risultato del rapporto tra la percentuale di acqua rilevata in un dato momento e la quantità massima di acqua che, a quella temperatura, l’atmosfera è in grado contenere.

Capirete dunque che monitorare il livello di umidità è fondamentale per garantire un clima confortevole nella nostra abitazione. Durante l’inverno, l’aria riscaldata emanata dai termosifoni o da altri sistemi utilizzati per il riscaldamento va ad incidere sull’evaporazione della pelle, che tende così a seccarsi e ad aumentare la nostra percezione del freddo. D’estate, invece, la troppa umidità blocca la sudorazione della pelle generando una sensazione di eccessivo calore. 

Per misurare il livello di umidità in camera e in tutta la casa, tradizionalmente si impiega uno strumento definito igrometro, che andrebbe sempre affiancato ad un termometro per tenere sotto controllo anche la temperatura associata. Esistono però sistemi più completi, e decisamente più avanzati e performanti: i condizionatori moderni come quelli della gamma Haier disponibili nel negozio online di Desivero, indispensabili per tenere sotto controllo l’umidità e la temperatura interna, e migliorare di conseguenza le condizioni di vita e la salute di tutta la famiglia.

Umidità ideale per ogni stanza della casa

Dal momento che ora sappiamo come l’umidità incide sul nostro benessere psicofisico e come è possibile rilevarla, è opportuno capire qual è il tasso di umidità ideale in casa. In via generale, per quanto dipenda da diversi parametri – tra cui la già citata temperatura -, l’umidità ottimale da tenere in casa dovrebbe essere compresa in una percentuale che va dal 40 al 60%. Per fare un esempio concreto, l’umidità ideale in casa con 20 gradi deve assestarsi su un valore del 50%: solo così possiamo garantirci sia benessere fisico che comfort precettivo.

Non tutte le stanze della casa sono però uguali tra loro. Ognuna è destinata a finalità di utilizzo diverse, ed ha dunque un suo specifico tasso di umidità raccomandato. Ad esempio, in cucina il tasso di umidità dovrebbe essere tendenzialmente superiore a quello registrato in soggiorno o nelle camere da letto, in cui svolgiamo prevalentemente attività di tipo sedentario. Come già dicevamo, i valori tendono a cambiare anche in base alla temperatura: il tasso di umidità consigliato andrebbe via via abbassato con l’aumentare dei gradi in un determinato ambiente. In più, la variazione di questi tassi viaggia di pari passo con le specifiche condizioni di salute degli abitanti, con la loro età e con lo stile di vita che conducono.

Come regolare l’umidità in casa

Il livello di umidità ideale in casa può essere fortunatamente regolato. Ancora una volta, preziosi alleati in tal senso sono i climatizzatori di ultima generazione. Desivero ha dunque selezionato i migliori modelli a marchio Haier in commercio, proponendo nel suo shop online articoli legati alle linee Jade, Flexis Plus, Tundra Plus e Ies Plus . Per la maggior parte sono provvisti di umidostato, uno strumento che viene utilizzato per misurare l’umidità relativa. Ciò significa che, con il suo sensore, ci consente di impostare un livello di umidità desiderata, che verrà poi mantenuto automaticamente costante per evitare che si alzi in maniera drastica o si abbassi seccando l’aria.

Per i più esigenti, che magari vorrebbero controllare il tasso di umidità e allo stesso tempo avere nella propria casa aria sempre pulita e salubre, Haier ha realizzato appositamente alcune linee dotate di filtro per eliminare polvere, pollini e cattivi odori. Validi esempi in tal senso sono la serie All-In-Jade e quella Flexis Plus, in grado di trasformare i semplici condizionatori fissi in veri e propri purificatori d’aria.

DEVI SCEGLIERE UN CONDIZIONATORE HAIER PER LA CASA? CONSIDERALO FATTO.

Articoli correlati

Come usare l’app hOn per i condizionatori Haier

L'esperto consiglia

Scopri come funziona l’app hOn dei condizionatori Haier

Read More

Combattere le allergie stagionali con i condizionatori Haier

L'esperto consiglia

Scopri come combattere le allergie stagionali con Haier

Read More

Cosa sono le polveri sottili e danni per la salute

L'esperto consiglia

Scopri come funzionano i sistemi di purificazione dei condizionatori Haier contro le polveri sottili

Read More

©2017 Tutti i diritti riservati - www.desivero.com