Come eliminare l’inquinamento con Haier Jade

Scopri come funziona Haier Jade e come purificare facilmente l'aria del tuo ambiente di lavoro

La purificazione dell’aria sul posto di lavoro è un elemento fondamentale per una vita salubre e sicura, soprattutto in questo periodo. Che fare quindi? È necessario dotarsi di un sistema in grado di purificare gli ambienti. Oggi, virus e influenze si combattono e si prevengono anche così: con l’aiuto della tecnologia. Haier ha ideato Jade, una macchina in grado di svolgere, tra le altre funzioni, la purificazione dell’aria, con filtri di ultima generazione e sistemi all’avanguardia.

Al lavoro… contro l’inquinamento

Nell’immaginario comune l’inquinamento è qualcosa che appartiene all’ambiente esterno. Alle strade trafficate, ad esempio, o alle vie tra i palazzi dei grandi centri cittadini, per via dei camini e del riscaldamento. Ormai vari studi dimostrano, invece, che gli ambienti chiusi sono spesso più inquinati e dannosi per la salute rispetto all’esterno. Soprattutto se si parla di luoghi di lavoro.

I classici uffici, dove spendiamo la maggior parte della giornata infatti, sono dei veri e propri catalizzatori di inquinamento, da diverse fonti e di varia natura. Correre ai ripari quindi è fondamentale, a maggior ragione in questo periodo particolare e molto delicato in cui è necessario prestare ancora più attenzione alla qualità dell’aria e dell’ambiente. Andiamo a vedere insieme quali sono i principali motivi che possono causare danni alla salute e le contromisure più efficaci per combattere l’aria malsana sul posto di lavoro.

L’aria in ufficio

Parlando dell’inquinamento in ufficio, già molti anni fa la comunità politica aveva individuato e identificato il problema. Nel 1991 infatti il Ministero dell’Ambiente definisce con chiarezza l’inquinamento indoor come La presenza nell’aria di ambienti confinati, di inquinanti chimici, fisici o biologici non presenti nell’aria esterna. Qualcosa di ben definito e quindi contrastabile, in modo efficace.

Ecco le principali fonti di inquinamento nei nostri ufficio e luoghi di lavoro al chiuso. In primo luogo le polveri aerodisperse, che negli spazi grandi dell’ufficio e le superfici ampie delle scrivanie sono difficili da contenere e controllare. Anche con una pulizia accurata e costante, gli angoli più nascosti e gli spazi tra gli arredi sono sempre difficili da sanificare completamente e la semplice polvere rappresenta quindi un problema non da poco.

La presenza stessa dei lavoratori rappresenta un altro punto, banale ma importante. Il consumo continuo di ossigeno dato dal respiro e l’esalazione di CO2 rendono meno salubre l’aria, soprattutto in spazi molto affollati e con una ventilazione poco efficiente. In questi mesi di emergenza tra l’altro, questo aspetto è sempre più centrale nel contenimento della diffusione di virus e batteri, per quanto ci si impegni a rimanere a distanza e a indossare una mascherina.

Il monossido di carbonio, poi, insieme al fumo del tabacco vicino alle aree fumatori rappresenta un’altra criticità per la pulizia dell’aria sul posto di lavoro. Così come i Composti organici volatili (COV), presenti in molti detergenti e nelle vernici di scrivanie e mobili di qualità non eccellente. La formaldeide dei prodotti e delle vernici è presenta in grandi quantità e di certo non è un toccasana per la salute delle persone.

Gli antiparassitari, inoltre, vengono molto usati soprattutto negli uffici di grandi dimensioni, per disperdere zanzare ed altri insetti fastidiosi. Purtroppo hanno effetti collaterali sulla salute e il contatto prolungato con le sostanze che disperdono non giova al nostro organismo. Anche le stampanti, per quanto possano sembrare innocue, nascondo delle insidie. Sia la carta dei fogli, infatti, che la stampante in sé, rilasciano delle microparticelle che si diffondono, vengono respirate e possono rimanere nell’ambiente per giorni interi.

Sindrome dell’edificio malato

La conseguenza di tutto ciò? Anche questa è stata certificata e ha un nome preciso: Sindrome dell’Edificio Malato.

Di cosa si tratta? È un disturbo che racchiude tutti i sintomi che dimostrano la presenza di un’aria poco salubre al lavoro. Gli effetti ben visibili sono irritazione al naso, bruciore e infiammazioni agli occhi, alle vie respiratorie e occasionalmente alla pelle. In più, possono verificarsi mal di testa, malessere, stanchezza, vertigini e difficoltà a concentrarsi, oltre che una maggior diffusione di virus e batteri.

Insomma l’aria malsana dell’ufficio accresce lo stress psicofisico delle persone e non contribuisce al loro benessere, anzi. Questa sindrome è responsabile ogni anno della perdita di tante ore di lavoro, per via di malattie, giorni di assenza e produttività ridotta delle risorse

Le contromisure

Andiamo a vedere come fare per limitare queste problematiche sul posto di lavoro, per vivere in modo più sano ed evitare sintomi negativi. Prima di tutto, arieggiare bene le stanze, con aperture cadenzate e regolari delle finestre. Negli open space dei grandi uffici questa operazione può essere più difficoltosa per via di vetrate scomode o molto grandi, ma basta poco per ricordarsi di aprire almeno una porta o una finestra per arieggiare il più possibile.

Un altro accorgimento è nella scelta e gestione degli arredi. Evitare mobili di scarsa fattura scongiura i danni che derivano da plastiche e vernici di bassa qualità. Scrivanie, mensole, armadi: vanno puliti regolarmente e con attenzione. Anche la scelta dei tappeti, per quanto sembri una cosa marginale, fa la differenza. Prediligere tappeti anallergici, antiacaro e facili da igienizzare è una misura semplice ma molto efficace.

Come detto, anche ridurre l’uso della stampante può essere molto utile. Sarebbe bene limitare le stampe alle reali necessità e dove c’è un’alta concentrazione di apparecchi, computer e stampanti il suggerimento è quello di non eccedere nell’uso della carta e usare toner riciclati.

In generale, la pulizia degli spazi di lavoro dev’essere quotidiana e profonda, concentrata anche sugli strumenti di lavoro come mouse e tastiere. È opportuno però, anche in questo caso, evitare detergenti troppo aggressivi per non disperdere sostanze chimiche nocive. Soprattutto quando si vuole igienizzare al meglio, si applicano prodotti di tanti tipi e il rischio di esagerare o usarne troppi è molto alto. Non serve abbondare, bisogna trovare equilibrio appropriato e giusta quantità per evitare controindicazioni.

Affidati ad Haier

Haier Jade

Le misure di contenimento dell’inquinamento interno che abbiamo appena visto non sono sufficienti per rendere più sano il posto di lavoro. Serve un monitoraggio e un filtraggio dell’aria più approfondito, per evitare la proliferazione di virus, batteri e muffe. Come fare? Semplice, è necessario affidarsi a un sistema di purificazione. Haier ha ciò che serve, con un sistema di purificazione efficace.

Haier All-In-Jade riesce a pulire l’aria dell’intera stanza in circa 15 minuti. Grazie alla sua Silver Ione Technology, le particelle di polvere non solo vengono aspirate, ma addirittura distrutte. L’emissione di ioni negativi neutralizza i batteri, i pollini e le muffe e rappresenta un’ottima soluzione per le allergie. In più, elimina il particolato e riduce la permanenza del virus nell’aria. Il consiglio per ridurre al massimo la possibilità di diffusione dei virus è quello di ripetere il ciclo di purificazione più volte nell’arco della giornata lavorativa.

L’impianto Jade svolge anche un’utilissima funzione di controllo e monitoraggio dell’aria. È dotato infatti di display invisibile e con indicazione di presenza di PM25. La macchina ha un Purificatore IFD, un dispositivo in grado di depurare gli ambienti dagli agenti inquinanti presenti nelle stanze degli uffici. Pensate che si compone di 61.004 fori che costituiscono una superficie filtrante di circa 8,78m², con un CADR (clean air delivery rate) di circa 300m³/h.

Un filtro IFD correttamente manutenuto è altamente efficace per catturare e intrappolare quasi completamente le impurità presenti nell’aria, con l’eliminazione di pollini, batteri, spore e muffe fino a 0,3 Micron, che corrisponde al diametro di particelle e particolato pm10, pm2,5. La funzione Self Clean poi con tecnologia CleanCoolTM, congela l’umidità presente nell’aria che viene a contatto con l’evaporatore, formando uno strato di brina che imprigiona polvere, batteri e altre sostanze inquinanti, convogliate poi nello scarico successivamente.

E ancora, il materiale plastico della copertura della macchina è caricato di elementi chimici antibatterici che consentono di eliminare ogni possibilità di creazione e proliferazione di batteri sulla superficie dell’unità interna Jade. Jade funziona al meglio soprattutto in ambienti di lavoro piccoli o medio piccoli. Per aziende con spazi ampi, Haier offre una linea di prodotti dedicati, studiati apposta per un utilizzo commerciale.

Queste macchine permettono un efficace e continuo ricambio che consente l’immissione di aria pulita all’interno dell’ambiente. La predisposizione ingresso aria “Fresh Air” porta aria fresca nelle stanze, fino ad un massimo del 20% della portata d’aria nominale dell’unità.

In questo periodo storico la purificazione e sanificazione degli ambienti di lavoro è fondamentale per la vita e la stabilità della comunità e affidarsi alle tecnologie più all’avanguardia, come quelle di Haier, è l’unico modo per contrastare e soprattutto prevenire il diffondersi dei virus.

DEVI SCEGLIERE UN CONDIZIONATORE HAIER PER LA CASA? CONSIDERALO FATTO.

Articoli correlati

Aria fresca e pura in casa? Ecco Haier All-In-Jade

L'esperto consiglia

Nelle nostre case, spesso c’è più inquinamento che all’esterno, soprattutto in città. Il motivo? Batteri, polveri sottili, allergeni… La soluzione è la tecnologia all’avanguardia di Haier Jade, capace non solo di raffrescare l’aria, ma anche di purificarla.

Read More

Deumidificazione e condizionamento, ecco le differenze.

L'esperto consiglia

Deumidificatori e condizionatori sono molto utili, ma ben distinti. Con i modelli Haier non dovrai preoccuparti di scegliere perché svolgono entrambe le funzioni, ma conoscere le differenze è importante.

Read More

Flexis è la linea di condizionatori Haier che si adatta a te e alla tua casa.

L'esperto consiglia

In estate i condizionatori sono i nostri alleati per combattere il caldo, anche se a volte possono causare qualche disagio fisico. Haier ti permette di installare un impianto smart, per rinfrescare gli ambienti in armonia con la casa e con chi la abita.

Read More

©2017 Tutti i diritti riservati - www.desivero.com