Allergia all’aria condizionata: come pulire il condizionatore

L’allergia da aria condizionata, causata soprattutto da una scorretta manutenzione dell’impianto e da una pulizia non sempre ottimale dei filtri, può causare molti fastidi soprattutto a chi già soffre di allergia alla polvere e agli acari.

Che siate amanti dell’aria condizionata o la sopportiate a stento, in questo periodo dell’anno è difficile trovare un ufficio, un negozio o un locale in cui non sia presente.

E in fondo, quando la temperatura è impostata sulla corretta gradazione, il refrigerio del condizionatore è più che piacevole.

È necessario però fare molta attenzione ai filtri del condizionatore: al loro interno, infatti, spesso si annidano allergeni e micro-organismi dannosi per la salute. In particolare, può succedere che i pollini, che in primavera proliferano, si depositino all’interno dei condizionatori dando vita a reazioni allergiche intense che si manifestano sotto forma di raffreddore, tosse, fastidio agli occhi.

Allo stesso modo anche batteri, funghi, muffe potrebbero attaccare i nostri condizionatori annidandosi nei filtri. È fondamentale prestare attenzione soprattutto alla legionella pneumophila, un batterio che colpisce l’apparato respiratorio causando la legionellosi, un’infezione polmonare che si manifesta con febbre alta, cefalea, tosse e brividi di freddo.

Ecco allora che una corretta manutenzione del condizionatore diventa il metodo indispensabile per purificare l’impianto e ridurre al minimo qualsiasi rischio di allergia. Anzi, c’è di più: alcuni studi hanno dimostrato che un impianto ben pulito può aiutare a prevenire le allergie. I filtri, infatti, quando sono correttamente puliti, riescono a bloccare l’ingresso di germi e pulviscolo, garantendo il circolo di aria pura nell’ambiente.

Con alcuni condizionatori è possibile procedere alla pulizia dei filtri senza ricorrere all’aiuto degli esperti, anche se ai soggetti allergici si consiglia di evitare di pulirli direttamente.

Come pulire il condizionatore e prevenire allergie

Ecco come pulire il condizionatore se non hai problemi di allergia.

Innanzitutto solleva lo sportello in corrispondenza della griglia di emissione dell’aria, è qui che si trova il filtro.

Adesso elimina gli accumuli più importanti di polvere con l’aiuto di un pennellino e poi procedi con un panno in microfibra, lievemente inumidito d’acqua e sapone.

Quando il filtro è pulito, passa nuovamente un panno inumidito, stavolta solo con acqua, e aspetta che si asciughi prima di rimontarlo sul condizionatore.

Qualora ti accorgessi che l’operazione di pulizia non dà risultati, è molto probabile che il filtro sia da sostituire.

Ricorda, infine, che anche gli sbalzi climatici possono essere dannosi per l’organismo provocando raffreddore e dolori articolari. La differenza tra la temperatura interna e quella esterna non dovrebbe mai superare i 6-7 gradi: se ad esempio fuori ci sono 30 gradi centigradi, in casa dovrebbero essercene 23 per consentire al nostro corpo il giusto refrigerio senza sottoporlo a stress eccessivi.

“Abbi buona cura del tuo corpo, è l’unico posto in cui devi vivere”.

Jim Rohn
HAI BISOGNO DI UN NUOVO IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO? CONSIDERALO FATTO.

Articoli correlati

Come diminuire il consumo di acqua ed essere più ecologici

Benessere e ambiente

Scopri come celebrare la Giornata Mondiale della Terra con il risparmio idrico

Read More

©2017 Tutti i diritti riservati - www.desivero.com